Eritema da pannolino: precauzioni e rimedi della nonna

eritemadapannolino

Eritema da pannolino: gli 8 rimedi della nonna

Quando nasce un bambino nasce anche una mamma, e uno dei primissimi problemi da mamma che ho dovuto affrontare è stato…il temuto eritema da pannolino! Già prima che nascano i nostri cuccioli, nonne zie, amiche e i mass media t’insinuano il terrore dell’eritema… poi ti accingi a cambiare i primi pannolini…e tac! Eccolo lì…il sederino rosso fuoco!

Perché uno dei principali problemi che insorgono quando si parla di pannolini è la dermatite, anche chiamata eritema da pannolino. Quando la pelle dell’area genitale e del sederino del nostro piccolo, normalmente coperta dal pannolino, è irritata e infiammata possiamo parlare di eritema da pannolino. È un problema molto comune e diffuso, soprattutto da quando i bambini iniziano a stare seduti: vediamo che il nostro bimbo non sta bene, che soffre ma spesso purtroppo non sappiamo come gestire il problema e allora inizia la nostra ricerca disperata del “rimedio perfetto e immediato”. Chiamiamo in nostro aiuto le nonne, le pediatre, Google, l’amica della cugina della vicina di casa e chi più ne ha più ne metta, del rimedio perfetto e immediato nessuna traccia. Questo fenomeno non va assolutamente trascurato ma ricordiamoci che con alcune piccole regole base lo possiamo prevenire.

 

Come affrontare l’eritema da pannolino? Ecco i rimedi pratici da mettere in atto:

1- I cambi pannolino non sono mai troppi.

Questa è una regola base e molto semplice per evitare l’eritema da pannolino: tra un cambio e l’altro di pannolino non lasciamo passare troppo tempo e quando il sederino è sporco procediamo con il cambio del pannolino, a prescindere della tenuta massima sponsorizzata dalle principali case produttrici di pannolini. Più tempo un pannolino rimane, più si crea un effetto “cappa” che scalda la zona e porta ad arrossamenti e infiammazioni più facili. Il pannolino è sempre bene cambiarlo tra le due o le tre ore al massimo e invece quando è sporco cambiamolo immediatamente, non appena ce ne accorgiamo. Pannolini usa e getta e pannolini lavabili hanno quindi la stessa tempistica di cambio, con la grande differenza che il lavabile è sempre la scelta più traspirante e fresca.

2-Fare attenzione ai lavaggi che aumentano l’eritema da pannolino.

Come consigliano anche molte strutture ospedaliere, lavare il sedere del bambino è fondamentale ma l’acqua è sufficiente in caso di sola pipì, perché ricorrere alle salviettine, soprattutto quando contengono agenti profumanti o addirittura alcol che irriterà ulteriormente la pelle.

3-Pannolino usa e getta e sale la temperatura.

Con l’utilizzo del pannolino usa e getta si ha un aumento della temperatura di uno/ due punti e cresce la possibilità per i nostri piccoli di sviluppare l’eritema. Inoltre questa condizione può portare anche ad altri peggiori rischi, sia per i maschietti che per le femminucce. I pannolini di stoffa invece, grazie alla loro composizione in tessuto, rendono l’ambiente più fresco, traspirante e meno dannoso.

4-Crema contro la dermatite da pannolino, questa sconosciuta.

Dagli anni ’70 in poi, con la diffusione di massa del pannolino usa e getta si è registrato anche un aumento di casi di eritemi e una delle prime soluzioni alle quali si faceva, e si fa tutt’oggi, è il ricorso alla crema. Ad ogni cambio il bambino viene disinfettato e incremato ma queste due azioni compiute insieme potrebbero essere troppo aggressive per la pelle del bambino. Non dimentichiamo che la pelle dei nostri piccoli è molto delicata e deve stare il meno possibile a contatto con agenti chimici, come quelli contenuti nella maggior parte delle creme.

5-Se crema dev’esser meglio naturale.

Come riporta Greenme ci sono ingredienti naturali che possono alleviare la dermatite da pannolino e venire in nostro soccorso qualora ci trovassimo a dover affrontare la dermatite da pannolino. Possiamo provare con un’emulsione fatta con 1/3 di olio extra vergine di oliva e 2/3 di acqua. Quando dobbiamo utilizzare la crema è sempre meglio utilizzare una velina raccogli feci che blocca la parte oleosa della crema, impedendole di essere assorbita dal pannolino lavabile ed evitando un effetto cerato.

6-W il bagnetto.

Greenme ci suggerisce anche di provare anche con un bagnetto emolliente e rilassante: basterà aggiungere all’acqua 1 goccia di olio di lavanda o camomilla, 1 cucchiaio di olio di mandole dolci, 2 di miele e 1 tazza di latte di riso. Anche la farina di avena è perfetta quando il bimbo è irritato e infastidito.

7-Pannolini lavabili ed eritema…la scelta del tessuto giusto è fondamentale.

I nostri bambini e le loro pelli sono molto diverse, alcuni di loro infatti preferiscono il contatto con una superficie asciutta, simile all’effetto dei pannolini usa e getta. È possibile ricreare questo effetto anche con i pannolini lavabili: per loro andrà benissimo un tessuto tecnico come il micropile, in grado di garantire questo effetto. Altri bambini invece preferiscono i tessuti naturali, più freschi, come il bambù e il cotone. Innanzitutto quindi è fondamentale saper scegliere il tessuto più adatto al vostro bambino. I Culla di Teby contengono già entrambi i tessuti e non c’è bisogno di un doppio acquisto per scegliere quello che più fa per il vostro piccolo.

8-Lavare si ma consapevolmente.

È di fondamentale importanza saper scegliere i prodotti con i quali laviamo il bucato dei nostri bimbi ed i pannolini lavabili: eliminate l’ammorbidente, i saponi disinfettanti e cercate di utilizzare la forza dell’acqua e il calore della lavatrice, con dei lavaggi lunghi e con più movimenti. Queste precauzioni eviteranno di immettere nei tessuti agenti chimici in eccesso. Diminuite anche la quantità di sapone, non dovete trovare residui nel cestello e il bucato non dovrà odorare troppo di sapone. Non dimentichiamoci che il nasino dei nostri bambini è ipersensibile, delicato e potrebbe rispondere male se dovesse percepire una profumazione eccessiva.

Tutte queste indicazioni naturalmente sono adatte se al rossore e all’irritazione del sedere dei nostri piccoli non si legano altre complicazioni. Se l’eritema non accenna e scomparire è sempre necessario consultare il pediatra, che indagherà a fondo le cause del problema.

Se tra questi consigli non trovate il rimedio naturale all’eritema da pannolino che avete scoperto e che fa tornare rosea la pelle del vostro cucciolo… scriveteci! Saremo felici di poterlo condividere con altre mamme 🙂

 

Share this post
  , , ,